-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

CHI SONO LIBERTÀ DAL DOLORE VULVODINIA? METODO START HEAR YOUR HEART© MIND-BODY COACHING TV

facebook.png twitter.png pinterest.png google.png youtube.png linkedin.png instagram.png

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Scrivendo la Libertà dal dolore

Vivere con un fastidio cronico sfinisce.  La morsa del dolore ti ha messo in trappola, la trappola della TMS. Infatti ricerchi ormai il sollievo ossessivamente e disperatamente.
Ti senti derubata della tua vita, anni di dolore che vanno avanti e si prendono tutto. E gli anni stanno volando, o sono già volati. E, nonostante tutto, continui a cercare una soluzione, mentre vai avanti nella tua vita al meglio che puoi.
Attività pressocché “normali” come camminare, fare sport, goderti una giornata di shopping o una cena galante sono out. Se sei costretta seduta per ore, le scosse elettriche ti fanno letteralmente saltare dalla sedia (non potrò mai dimenticarlo).
Sei sempre sul chi va là, attenta a non farti male o a non peggiorare la situazione, con l’aggravante dell’imbarazzo e del dover tacere e soffrire in silenzio perché il dolore pelvico è diverso. Diverso da qualsiasi altro tipo di dolore.
E intanto, il tuo Sistema Nervoso Autonomo si iperattiva sempre più, alimentando senza soluzione di continuità il ciclo del dolore.
Il tuo dolore è reale. Ma nessuno sembra capire e sopratutto offrire una soluzione duratura.
Una volta una donna mi ha scritto che non credeva che si potesse guarire dalla vulvodinia (dopo che ebbe letto la mia storia), ma si dichiarava fiduciosa di poter stare meglio.
Ma non deve essere così necessariamente anche per te, credere che non si possa guarire. Perché è proprio il caso che, in Italia, nessuno ancora ti abbia aiutata a comprendere il tuo dolore in modi da risolverlo alla radice. Almeno fino a ora :)
La nostra mente e il nostro corpo sono programmati per garantirci al massimo grado possibile la sopravvivenza. Sono stati programmati lungo un processo super-evolutivo durato MILIONI di anni.
Quando  ci sentiamo sopraffatte, quando si assommano assieme tante cose stressanti, sviluppiamo una tensione possente, fortissima.

Lavorando con le donne
Lavorando con le donne, emerge un pattern comune.
Con l’idea di dover mettere i bisogni e le richieste degli altri sempre davanti alle proprie, se una donna non segue questa regola, è considerata egoista, come minimo. E se una donna "ligia al dovere" incontra un’altra donna che lo fa, la giudica senza pietà e taglia i ponti, subito. Ciò è molto doloroso. E triste.
Una donna che mette sempre gli altri al primo posto finisce con il negare le proprie necessità, esigenze e bisogni di essere umano. E questo sviluppa una tensione interiore inimmaginabile, che facilmente crea lo scenario perfetto per la TMS o Mind-Body Syndrome. E non ottiene ciò che cerca, perché prima o poi esplode con chi vuole bene (famiglia, amici) e se non sta bene, ovvio, chiaro e cristallino: non potrà assolvere ai suoi "doveri"... non riesce più a soddisfare alcuna richiesta, necessità ed emergenza. Riesci a vedere l'assurdità?
Quando è stata l’ultima volta che hai anteposto il dovere al piacere?
E come ti sei sentita?
Mal di testa, spalle e pavimento pelvico come pietre?
Anche dentro di te risuona la fatidica frase “prima il dovere, poi il piacere”?
All’inizio, da ragazze, le cose sono ancora abbastanza “maneggiabili” e abbiamo più energia e ripresa più veloce. Ma man mano che la vita diventa sempre più complessa, tra lavoro, famiglia, marito, figli e incombenze e servizi, e con tutti i velocissimi cambiamenti che viviamo in questa era - la più grande trasformazione mai avvenuta nella storia dell'umanità (quella che ci fanno studiare sui libri, s'intende...) le richieste si moltiplicano e diventano incessanti e continue e il critico interno che continua a strillare che non abbiano ancora fatto abbastanza disgrega letteralmente il corpo iper-attivando una Risposta Combatti o Fuggi costante e un’allerta continua. La nostra povera Lizard Brain gracchia dalla mattina alla sera e spesso la notte, e non ci fa dormire.
Preoccupazione per la casa, il denaro, le tasse, la scuola, la salute stessa diventano un loop impossibile. Ce la farò? Sono al sicuro?
E tutto questo rimuginìo e attività di pre-occupazione è devastante per il sistema, specie per il corpo, specie per il pavimento pelvico e il tratto riproduttivo e digerente.
Molte donne con cui lavoro e ho lavorato in questi anni raccontano di storie come questa, e alla fine tantissime, quasi tutte mi confermano che in realtà, come mi scrisse una di loro:

il dolore mi ha portato a fermarmi e a chiedermi se fosse realmente questo il modo più “efficace” di condurre la mia vita.  Mi sta risvegliando alla verità!


Il corpo, esausto, reagisce creando spesso emicranie con aura, dolore pelvico e altre manifestazioni per impedire un ulteriore danneggiamento. Per proteggerti.
Il dolore in questi casi diventa una sorta di estremo tentativo di correggere un corso di vita che non funziona, nel senso che non crea benessere e non è sostenibile. Ti torna? Ha senso?
Io stessa, rientrando nella tipica classificazione di personalità - direi da tripla A :)) - con una Lizard Brain sempre iperattiva, ho avuto bisogno di imparare a scalare marcia, e a lavorare davvero con pensieri ed emozioni (nuu quanta resistenza!!), perché l’alternativa non era granché - avere sempre più dolore non era proprio nei miei piani per la vita!
Quindi… considera questo:
e se fosse che anche il tuo dolore, in realtà, ti stia indicando la via per creare tutta un’altra vita, la vita meravigliosa che meriti e che puoi vivere, creata con le tue azioni, decisioni, lavorando proprio con i tuoi pensieri ed emozioni -che è ciò che ti aiuto a fare?
Pensaci: il corpo ti forza a fermarti, a riposare, e ti indica che qualcosa non va nella direzione dei tuoi sogni. Sorveglia i tuoi “devo”: devo assolutamente fare questo e quello, lei/lui dovrebbe, avrebbe/non dovuto… e bla bla bla (le #psicorotoballe di Mind).
Che tu ci creda o no, questi pensieri, la maggior parte dei quali totalmente inconsapevoli, sono al volante nella tua vita… è ora di riprendere la guida: tu sei il guidatore, sorveglia, guida e scegli da quali pensieri farti trainare - e puoi farlo, puoi guidare la tua mente e ascoltare i messaggi saggi dalle tue emozioni e dal tuo corpo e puoi farlo ORA, PRIMA che sia... davvero troppo.
In più, una volta guarita, potrai continuare a stare bene e a prevenire altre manifestazioni della TMS o dei suoi equivalenti, come per esempio l’ansia.


FREEDOM WRITING© MIND-BODY TOOL - VERSIONE BASE
Comincia (e continua se lo stai già facendo!) a tenere un resoconto giornaliero dei tuoi pensieri: bastano dai 3 ai 5 minuti il mattino, e il pomeriggio.
Utilizza un diario apposito per questo (è importante). Fa’ che sia un diario che puoi portarti dietro quando sei fuori casa. CARTACEO! E scrivi tutto ciò che stai pensando, senza censura, e quotidianamente. Butta lì sulla carta tutto ciò che hai dentro, tutto il gergo, le parolacce, i pensieri stressanti - non è il momento di fare spiritual bypassing quando usi questo tool, ricordatelo, altrimenti torni automaticamente in modalità soppressione e fai il gioco della TMS!
Fallo, fallo fallo, scrivi- scrivi- scrivi, just do it!
Man mano che vai avanti scoprirai degli schemi, dei pattern, e comincerai a sviluppare CONSAPEVOLEZZA, che è uno dei mind-body tool di base per dissolvere la TMS.
Del tipo: “ma io veramente penso questo??? Ma non è possibile!!” e invece sì, è possibile, e quel pensiero, nel retrobottega della mente, assieme agli altri - di media - 60-70.000 che facciamo ogni 24 ore, sta guidando la tua vita. Al posto tuo.
Cavoli!!
Per favore, considera attentamente questo tool, perché è potentissimo - non sottovalutarlo e non darlo per scontato!!
Fatti un favore, salva il tuo tempo e una sofferenza inutile e inizia ora. Scrivi, scrivi, scrivi!
Hai bisogno di VOLERE FARLO, non di doverlo fare (di nuovo la “doverizzazione”, che non ti porterà a nulla) e sono certa che il dolore pelvico sia uno dei più grandi motivatori per questo lavoro che - te lo ripeto (e parlo per esperienza!!): CREA LA VITA CHE VUOI.
Come vedi, il corpo ti sta mandando un messaggio chiaro e forte, perché vuole e sa guidarti verso tutta un’altra vita, una vita di benessere, gioia, gratificazioni, in cui ti riprendi piacere e divertimento… cosa stai aspettando?  Inizia ora!!

Se hai domande sul perché queste tensioni si bloccano in queste aree del corpo, postale nei commenti: la mia intenzione è rendere il mio blog il più interattivo e utile possibile: sarò felice di rispondere ;)
Stay fine tuned!
Un abbraccio, Elena
 
Scritto & Postato il 3 agosto 2017 da Elena Tione




IL POTERE della MIND-BODY COMMUNITY: il Mind-Body Tool n°1

A volte, farcela da sole si rivela impossibile. Ottieni potenti strumenti mind-body per liberarti da sintomi e dolore: pratici, efficaci, per la nuova te senza dolore ACCEDI



4 commenti:

  1. Ciao Elena,
    posso testimoniare che il free writing e' uno strumento formidabile per stanare i pensieri ripetitivi, perche' solo quando hai scritto per la terza e poi la quarta e la quinta volta la stessa storia puoi accorgerti che si...e' sempre la stessa !!! La mia mind ne ha due o tre alle quali e' affezionata e che usa in mille varianti diverse.
    Pero' quello che mi stupisce e' che nonostante io ne sia diventata consapevole ancora a volte ci rimango incastrata dentro !

    Si sarebbe interessante scoprire perche' proprio in quell'area del corpo ? E' una domanda che mi sono fatta spesso..e un'altra cosa che mi incuriosisce e che mi domando spesso riguarda l'osservare che ci sono delle persone che sembrano non sviluppare sindromi mente corpo..eppure mi sembrano avere tutte le caratteristiche della personalita' predisponenti. Forse chi sviluppa sintomi possiede dei corpi "parlanti" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca,
      yes! Per questo l'ho ribattezzato Freedom Writing© :))
      L'efficacia di questo mind-body tool (assieme al respiro diaframmatico e pelvico) viene spesso sottovalutata - ed è totalmente normale! Non siamo abituate a queste attività, personalmente ho sempre fatto moltissima resistenza a scrivere - ma veramente moltissima, e ancora mi succede - e mi succede di avere un sacco di storie - sempre le stesse - che girano come criceti nella ruota!! :D For sure!

      Un passo fondamentale per ottenere sollievo è proprio l'accorgerti, la consapevolezza, il renderti conto che sì, sono sempre le stesse solite 3-4 top-ten (o los quarentas :)) in radio doom&gloom (radio cattive notizie on air!) - è normale rimanerci incastrate nonostante sappiamo che sono quelle - tra l'altro, tutti noi esseri umani le abbiamo mooolto simili - perché la Lizard Brain fa ciò che sa fare: creare queste storie per proteggerci - è il suo istinto -quindi in quei casi, nota che sta accendendo di nuovo: con la parte di te che nota ogni cosa, noti che un'altra parte di te è rimasta incastrata e anche qui dal punto di vista del watcher, dell'osservatore, o come diciamo in Neuro-Semantica®, vai in META posizione. E' sempre questa oscillazione, avanti e indietro, tra la fusione con la "storia", le "3 top-ten" e la de-fusione o distaccarti da esse, che crea la VERA consapevolezza e il SOLLIEVO e ti fa stare più tempo FUORI dalla FRR (Fight - or - Flight -or Freeze Response =Risposta Combatti-o-Fuggi-o Congélati), via da StressVille e verso Villaggio BenEssere (Risposta di Guarigione©) - che è ciò che SERVE al corpo per GUARIRE e per RESTARE SANO.

      Chiederti perché e per come ti è utile? Ti aiuta a raggiungere Villaggio BenEssere? Ricorda che è altrettanto essenziale il pilastro COMPRENSIONE, che va mano nella mano con CONSAPEVOLEZZA - perciò, se comprendere la scienza del come mai "rimaniamo incastrati dentro le storie = induzione ipnotica del linguaggio, più tecnicamente - se comprendere ciò aiuta, ricorda alla tua Mind come funziona e guidala dolcemente verso Villaggio BenESsere :)

      Tendiamo a sviluppare TMS o Mind-Body Syndromes nei grandi blocchi muscolari posturali, come spiega magistralmente il Dr. Sarno nei suoi libri! E guarda un po', che correlazione incredibile con i 18 punti della sindrome fibromialgica, i punti di scarico (yes, come in architettura) del peso e delle leve corporee :) - il che comprende i muscoli della schena, le spalle, il collo, i muscoli piriformi, la pelvi, con le diramazioni muscolari che scendono alle gambe - ogni fascia muscolare è connessa con l'altra e in nomi sono distinzioni che si fanno in anatomia + abbiamo la fascia che li avvolge tutti in una guaina speciale, ed è come una rete, se un punto viene coinvolto, tutti gli altri punti vengono coinvolti.

      In più, c'è la risposta appresa per cui possiamo prediligere le spalle , o la schiena, o la pelvi, o le gambe, ma ciò è totalmente arbitrario e appreso (come sempre spiega Sarno, cfr il mio e-Book gratuito Kit Starter Ben-Essere http://www.aidablanchett.com/mindbodynews)

      Ci sono delle persone che "sembrano" non sviluppare mai mind-body syndromes -- > esatto, non SEMBRA. Dalla mia esperienza, con i dati statistici alla mano, con numeri impressionati e sempre crescenti, il trend è che sempre più persone a livello GLOBALE STANNO sviluppando TMS - ricorda - la TMS appare quando la pressione raggiunge un punto critico. Perciò, la svilppano - solo che non lo sanno -o non vogliono averci a che fare, perché, come sai bene, la chiave per guarire è andare alla radice del problema, le emozioni... e molti sono terrorizzati e vanno in negazione totale.. il che è altrettanto duro per il corpo - lo spezza letteralmente.

      Stimolante conversazione, grazie Francesca per queste ottime domande e riflessioni! Ti abbraccio

      Elimina
  2. Ciao a tutti! Da qualche tempo ho nuovi sintomi (che si sommano a quelli storici di VVD e formicolio della gamba DX): bruciori a palmi delle mani e sopratutto piedi, scossette elettriche che migrano di continuo e strane punture di spillo nell'occhio!! cosa vorrà dirmi il mio corpo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao LindaC,
      sembra proprio la classica continua danza che descrive il Dr. Sarno: la sostituzione/migrazione del sintomo della TMS, come descritta in The Mind-Body Prescription. La tua è un'ottima domanda: quale può essere la risposta?
      Un abbraccio!

      Elimina

Lasciami un commento :)

Info sulla Privacy

PS! Anima bella, ho parlato anche di...